Guerra Normativa, studio di Solange Manfredi pubblicato da SOCINT

Guerra Normativa

Guerra Normativa, nuovo studio di Solange Manfredi pubblicato sul portale SOCINT Press. La ricerca tratta il tema del diritto utilizzato come strumento di potenza nella competizione internazionale e delinea le caratteristiche di una attività di intelligence giuridica.

Guerra Normativa e Intelligence Giuridica, la prospettiva dello studio di Solange Manfredi

Negli ultimi 30 anni si è sentito spesso parlare di guerra economica, meno di guerra normativa. E questo è strano perché, come sottolinea Katarina Pistor:

“Non è la mano invisibile di Smith a regolare il mercato, ma una competizione feroce in cui vince chi riesce a dettare le regole del gioco, ossia la legge”.

È, infatti, la legge che crea ricchezza e disuguaglianza. Essa distribuisce il potere a tutti i soggetti, che determina cosa persone e aziende possono, o non possono, fare. Proprio per questo, anche nella guerra economica, la vera guerra si gioca a monte, ed è la guerra normativa.

Perché è importante conoscere e studiare questi temi

La legge è un’arma, e l’ab-uso del diritto, per conquistare e consolidare il proprio dominio, è una strategia nota da secoli. Eppure, ci siamo fatti trovare impreparati.

Oggi il diritto, soprattutto in alcuni settori, è in mano al potere economico e finanziario. In questo nuovo paesaggio giuridico aperto dalla globalizzazione non si è saputo anticipare le norme a monte. Ma non si è nemmeno saputo esercitare la necessaria influenza sul loro sviluppo. Al più, ci si è rifugiati nel comodo cantuccio dell’elaborazione di principi. Tuttavia, come già successo per i nostri principi costituzionali, essi si sono potuti lasciare lì, come non esistessero. Ciò ha dato la possibilità ad altri poteri di elaborare strumenti e accordi che li negavano alla radice. Questa dinamica ha portato a una marginalizzazione della politica. Lo Stato è lasciato solo a dover cercare di risolvere le problematiche, sempre più gravi, di instabilità interna

Il diritto della concorrenza è assolutamente da salutare con favore. Esso stimola innovazione e produttività. Tuttavia, si deve vigilare perché attraverso gli strumenti del diritto non si creino situazioni che favoriscano comportamenti predatori, rendite ingiustificate o che, peggio ancora, premino i peggiori.

Ecco perché è importante creare apposite strutture di intelligence giuridica per la prevenzione dei rischi e la gestione delle crisi.

Scopri le altre notizie di SOCINT.